MENU

BARI

So-stare nel Conflitto: la Mediazione Familiare come metodo di risoluzione costruttiva

                                                                           
WORKSHOP INTRODUTTIVO AL CORSO DI MEDIAZIONE FAMILIARE 
So-stare nel Conflitto: la Mediazione Familiare quale metodo di risoluzione costruttiva
 
Il conflitto è insito nella relazione ma è difficile gestirlo costruttivamente.
Il laboratorio cercherà di dare elementi di lettura e di gestione consapevole e funzionale dei conflitti.
 
Martedì 28 novembre 2017 - dalle ore 16:30 alle 19:00

Conduttore: dott. Paolo Danza, Mediatore Familiare (socio AIMeF), Psicopedagogista, Counsellor Supervisore
 
I workshop introduttivi si terranno presso l’A.P.S. “Spazio del Sé”, in Via Pavoncelli n° 139 (nei pressi del Parco di Largo II Giugno) a Bari.

L’incontro è finalizzato anche alla presentazione del Corso in Mediazione Familiare che partirà a Bari  nel gennaio del 2018 e che è stato riconosciuto dall’AIMeF (Associazione Italiana Mediatori Familiari). Con il conseguimento del Titolo di Mediatore familiare l’allievo può esercitare la professione, iscriversi all’AIMeF che è Associazione professionale che rilascia attestato di qualità ed è iscritta al Ministero dello Sviluppo Economico (Legge 4 del 2013 e Norma UNI).

Per la prenotazione è necessario:

*compilare il FORM DI SEGUITO
*o inviare una mail a: info@apuliagestalt.it 
*o telefonare al: 0832 323862
 

FORM DI ISCRIZIONE

Corso: So-stare nel Conflitto: la Mediazione Familiare come metodo di risoluzione costruttiva

Data e Luogo: Martedì 28 novembre 2017 - dalle ore 16:30 alle 19:00

Ai sensi degli artt. 46 e 47 del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamenti in materia di documentazione amministrativa, approvato con D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445 DICHIARA Sotto la propria personale responsabilità di essere consapevole delle conseguenze anche penali cui può andare incontro in caso di falsità in atti e dichiarazioni mendaci (art. 76 T.U.).
Il numero dei posti è limitato (sarà rispettato l’ordine di arrivo delle richieste). Non saranno prese in considerazione iscrizioni incomplete o illeggibili.